​Maggio a Rimini: Sole, mare e buona cucina



A Maggio hai un motivo  in più per venire in vacanza all’Hotel Acquario.  La riviera romagnola infatti non è solo ricca di belle spiagge e divertimenti notturni, se avrai il piacere di soggiornare nei nostri lidi infatti potrai godere anche di una delle cucine più golose d’Italia.

All’Hotel Acquario ti delizieremo con tanti piatti tipici della tradizione cucinati con passione e artigianalità sia a pranzo che a cena, durante tutto il tuo soggiorno.

Le specialità che si possono trovare nel territorio romagnolo sono molte, quasi impossibile scegliere quali citare e quali lasciare indietro, se proprio dobbiamo fare un nome, la scelta ricade sulla piadina romagnola, la regina indiscussa dei pasti estivi riminesi.
 

I segreti della Piadina Romagnola da  mangiare a Maggio a Rimini


La piadina romagnola, o piada, di cui piadina è evidentemente il diminutivo, è una specialità tipica del territorio romagnolo, viene creata impastando insieme strutto (o olio d’oliva per i più salutisti), farina di grano, bicarbonato o lievito, sale e acqua, e se avete intenzione di venire in vacanza a Maggio a Rimini non potete non assaggiarla. 

Una volta realizzato l’impasto, si procede a dividerlo in pezzi più piccoli e a  stenderli utilizzando il tipico mattarello delle azdore (termine che indica le tipiche donne di casa romagnole di una volta), una volta ottenuta una superficie tondeggiante abbastanza sottile l’impasto è pronto per essere cotto. Per la cottura della piadina romagnola si utilizza solitamente una piastra in pietra refrattaria, che nella tradizione prende il nome di “testo” della la piada, la quale viene portata in temperatura venendo posta su un fornello, una volta che ha preso calore e la sua temperatura ha raggiunto un buon livello si procede ad adagiare l’impasto sopra di esso lasciandolo cuocere per alcuni minuti, per poi girarla dalla parte opposta facendo altrettanto. 

Solitamente si consiglia di forellare e girare la piada in cottura con una forchetta, per evitare bruciature e rigonfiamenti dell’impasto. Una volta cotta viene riversata in un piatto ed è pronta per essere servita con qualsiasi tipo di ingrediente vi possa venire in mente, une delle versioni più tipiche e diffuse nella romagna è quella con il prosciutto, e proprio da questa preferenza deriva il detto “la piada se parsot la pis un pò ma tot”, che tradotto significa la piadina col prosciutto piace un po' a tutti. E se l’avete già provata o la proverete siamo sicuri che vi troverete d’accordo con questo antico detto. 

Va detto che a seconda della zona della Romagna in cui  vi troverete ad ordinarla, potrete trovarvi davanti diversi formati di piadina, nelle zone più interne infatti  si prepara leggermente più spessa e meno larga, mentre sulla costa, ad esempio nel riminese, viene tirata maggiormente, rendendola più larga e sottile. A seconda dei gusti potrà piacervi più l’una o l’altra, ma in ogni caso la piadina romagnola resta uno di quei piatti di cui non si può fare a meno durante una visita sulla riviera romagnola.

Altre specialità che potrete trovare in riviera sono sicuramente i tortellini, i cappelletti ed i passatelli, asciutti o in brodo.
 

Maggio e Giugno a Rimini: Mare e cucina


Insomma se state progettando la vostra vacanza a Rimini nel periodo di Maggio o Giugno, siete fortunati, potrete godervi il mare, la spiaggia e tutte le attività correlate, dai campi di beach volley, alle gite in mezzo al mare in pedalò, per poi assaggiare le immancabili specialità della cucina locale direttamente in hotel approfittando delle offerte in formula mezza pensione e pensione completa oppure sulla spiaggia, nei tantissimi bar ristoranti che si alternano fra un bagnino e l’altro.
Richiedi informazioni
Hotel 3 stelle Torre Pedrera riviera romagnola